lunedì 22 settembre 2014

PILLOLA DI MAGIA SINTETICA: LA SISTEMATIZZAZIONE DEL PENSIERO STATICO E DINAMICO IN MAGIA SINTETICA

PILLOLA DI MAGIA SINTETICA: LA SISTEMATIZZAZIONE DEL
PENSIERO STATICO E DINAMICO IN MAGIA SINTETICA
MAGIA SINTETICA
LA SISTEMATIZZAZIONE DEL PENSIERO STATICO E DINAMICO IN
MAGIA SINTETICA

Nella MS di concepisce il pensiero come un ONDA e come una PARTICELLA.
Come particella quando è concepito dentro la mente del mago e rimane quiescente. In questo caso occupa spazio ( SPAZIO IMMAGINARIO DOVE I PENSIERI SI MUOVONO DI FRONTE ALL'OSSERVATORE CHE CON LA SUA SOLA PRESENZA CREA QUESTO SPAZIO IMMAGINARIO PER RENDERSI PRESENTE E REALE A SE STESSO IL SUO CONCETTO DI REALTA'). Quindi occupando spazio esso viene irregimentato dentro gli SCHEMI, e questi schemi in LINEE DI PENSIERO.


Le linee di pensiero sono quella cosa che ci organizza la giornata senza che noi ce ne rendiamo conto. Queste stesse linee di pensiero devono essere ricondizionate per poter operare magicamente. Di solito vengono ricondizionate con la Cabala Pitagorica oppure ad un grado più basso con la Cabala da tutti conosciuta ( NON PARLO DI QUELLO CHE GLI ORTODOSSI EBREI CHIAMANO CABALA, MA DELLA CABALA COME IL MONDO OCCIDENTALE HA CONCEPITO DAL 1400 IN POI). Il pensiero particellare come vedete è simile alla teoria della fisica quantistica, ma in MS esiste da sempre...sono i fisici che

hanno riscoperto l'acqua calda non la Magia che ha copiato dai fisici. Ma in ogni modo meglio così, alla fine ogni cosa è destinata ad unirsi.


Ma come detto il pensiero è sempre concepito come doppio, è la creazione o la possibilità di creazione è sempre DOPPIA. Esso quindi è anche ONDA, e come onda si muove.
Quindi definiamo:
PENSIERO PARTICELLARE OPPURE PARTICELLA DI PENSIERO: STATICOPENSIERO ONDA OPPURE ONDA DI PENSIERO: DINAMICO.
Da queste due categorie abbiamo la "REALTA' " CHE SI PRESENTA A NOI.
In MS questi due modi di realtà vengono chiamate REALTA' SEMPLICE E REALTA' COMPOSTA.


Comprendendo per realtà semplice ogni pensiero statico, ossia ogni PUNTO FERMO della mente o campo immaginario, che essendo statico FA' RIMANERE STATICA LA "REALTA'

" COME LA VEDIAMO.
Mentre diventa realtà composta, quando il pensiero statico viene mosso dalla volontà magica, e la creazione per noi CAMBIA.
Ecco la tecnica della Magia che ricrea il PROPRIO UNIVERSO.
Nella MS questi due modi sono chiamati TECNICA MISTICA E TECNICA MAGICA.ORA:
Se nella pratica si agisce usando l'immobilizzazione del pensiero, ecco che abbiamo una tecnica di estrazione mistica: MEDITAZIONE, CONTEMPLAZIONE ECC.

"SPIRITO"
Se nella pratica si agisce usando il movimento del pensiero, ecco che abbiamo una tecnica di estrazione magica: RITUALI DI OGNI GRADO, MOVIMENTO, CONCANTENAZIONI DI PENSIERI.
Per il PRIMO TIPO abbiamo una base di auto-apprendimento e studio preliminare, per poter ottenere il successo nella pratica, su base concentrativa pura con sforzo della volontà.
Per il SECONDO TIPO abbiamo una base di studio cabalistico e analogico che informa la mente e da gli elementi che saranno usati nel rituale, e lo sforzo è IMMAGINATIVO.
Le due tecniche prese insieme sono la PERFEZIONE, unendo il pensiero statico al pensiero dinamico.
Ma questo si ottiene solo quando vi è separazione in se dell'elemento superiore, che distingue SE STESSO DALLA CORRENTE DEL PENSIERO STESSO, COME DINAMICO , E DALLA MASSA DEL PENSIERO STESSO, COME STATICO.
RELAZIONE GEOLOGIA DI BASE !144

 


"MATERIA"
Detto questo, rimane una constatazione precisa: SENZA AZIONE NON SI TRASFORMA IL PENSIERO E QUINDI LA MENTE.

Ora passiamo a considerare l'azione MUSCOLARE DELLA MENTE E DEL PENSIERO.Un rituale è veramente un rituale quando il sistema muscolare pone in azione fisica il pensiero dinamico.
Lo possiamo anche notare tutti i giorni nelle espressioni facciali delle persone oppure nel loro modo di movimento e azione. Nel mondo fisico chiamato in magia mondo dell'azione,la cosa che più è importante è la fascia muscolare, che viene messa in azione, per compiere un movimento nello spazio tridimensionale. Questo movimento creerà tempo, e questo tempo darà la traccia del movimento stesso. Da qui la scienza della sigillazione, e dei sigilli. In pratica, voglio dire: QUANDO OSSERVIAMO UN SIGILLO DI UNA DATA ENTITà, QUEL SIGILLO NON è ALTRO CHE PENSIERO CRISTALLIZZATO IN UNA FORMA LINEARE CHE PRECEDENTEMENTE E' STATO CREATO DA UN MOVIMENTO.

Il movimento ha creato una scia di punti che ha determinato quella forza corrispondente e la forza quiescente, mediante il movimento stesso è stata richiamata, nello spazio e nel tempo.Quindi muoversi è RENDERE TANGIBILE UNA FORZA CHE PRIMA ERA INTANGIBILE, MEDIANTE LA TRACCIATURA DEL SUO PERCORSO DI FORZE, MA

ANCHE E', MEDIANTE LA TRACCIATURA DEL MOVIMENTO, RICHIAMO DELLA FORZA STESSA.
Ecco la Magia.
Da qui si aprono molte strade e discorsi, ma non è possibile percorrerle ora. In ogni caso l'intendo di questo post con le sue pillole di Magia Sintetica è stimolare il ragionamento al di fuori di FEDE inutile, di fronte alla perfezione della SCIENZA.
LA MAGIA AGISCE NELLA QUARTA DIMENSIONE, SE NON LA SI RICONOSCE NON SI PUO' AGIRE IN MAGIA. ANTICAMENTE CENIVA CHIAMATA PIANO ASTRALE, E ANCORA OGGI PER CONVENZIONE NOI STUDIOSI DELLE ARCANE COSE, LA CHIAMIAMO COSI'. MA E' QUELLA DIMENSIONE DEL PENSIERO E DELLA MENTE DOVE PRENDE FORMA LA REALTA' A SECONDA DI COME NOI LA PERCEPIAMO E LA CONCEPIAMO. E QUINDI MODIFICABILE A VOLONTA' DA CHI CONOSCE IL MODO ( MAGIA SINTETICA).

La mia speranza è quindi che voi comprendiate a fondo quanto detto, poiché le altre pillole, in seguito, riterranno per acquisito quanto qui e nelle precedenti pillole, affermato, affinché si proceda nelle pratiche semplici di dimostrazione dell'efficacia di questa MS, nelle cose più disparate.
Si sa senza prova confermata ogni teoria rimane tale. Bene, per questo gli elementi che sto fornendo di pura Ammonia, di MS dcc, sono rivolti a dare quel bagaglio di conoscenza, che quando si tratterà di porre in ATTO COSCENZIALE , le teorie, esse diano conferma con la pratica effettiva e con i risultato.
Ho accennato al sistema muscolare. Aggiungendo un piccolo addendum, posso dire che esso è LA MENTE NELLA MATERIA. LA MENTE MATERIALIZZATA!
Se cercate quindi la mente nella materia la troverete nel sistema muscolare, con tutto quel che comporta!


 


"SPIRITO E MATERIA"
Meditate e pensate, mettete in movimento la vostra INTUIZIONE e capirete che in questi post vi sto svelando le basi fondamentali della magia e della sua azione, sia verso l'esterno di quello che voi pensate siete, ossia del vostro sistema orbitale chiamato IO con intorno i satelliti e i pianeti: I PENSIERI.
E verso l'interno di questo complesso apparente che ha creato una estensione di tempo e spazio nel tessuto fornito dalla materia, per fare in modo che vi poteste manifestare. Quindi possibilità di modificare l'esterno apparente e l'interno apparente.

Questo, sempre per amore della verità, e per fare opera originale e diversificata dagli altri esponendo COSE CHE SERVONO e non antiche scritte che sono usate come stampelle per chi NON SA'. E che oltre a dimostrare il non sapere, dimostra che le menti sono preda di varie simbologie e che girano in tondo non potendosene liberare.
MRA
 

PS
Ricordate che SIGILLO deriva da SIGILLARE. Aggiungo la spiegazione della TRECCANI, fermo restando che per la MS SIGILLO SIGNIFICA COAGULO DI FORZA. Il prossimo post farà chiarezza sulla QUARTA DIMENSIONE, o LUOGO ove avviene la MAGIA, nei due sensi di creazione della REALTA' APPARENTE O DISTRUZIONE DELL'ILLUSIONE DELLA REALTA' APPARENTE. 


sigillare v. tr. [dal lat. tardo sigillare, der. di sigillum «sigillo»]. –
1.
ambiente, mettere i sigilli.
b. Per estens., chiudere perfettamente, in adatti contenitori, soprattutto sostanze e prodotti da conservare inalterati: s. in sacchetti di plastica alimenti da congelare.
con una stretta di mano. Cfr. suggellare, che in queste accezioni è più frequente.
a. Chiudere, assicurare la chiusura con uno o più sigilli: s. una busta, un plico, con
sigilli di ceralacca o, se di maggiori dimensioni, con piombini; s. una bottiglia, con
uno strato di ceralacca o di paraffina sopra il tappo; s. una porta, una cassaforte,un
c. In usi fig., serrare ermeticamente: sigillarsi la bocca, le labbra, non voler più
parlare, rifiutarsi di rispondere o dare notizie su cose di cui non si vuol parlare; o
fermare, concludere, anche rifl. o come intr. pron.: Così la circulata melodia Si
sigillava (Dante); confermare, rendere stabile, definitivo: s. un patto, un accordo
2. ant. Coniare monete, apporre un marchio su pesi e misure per attestare la loro
esattezza, o un segno su merci per indicare l’avvenuto pagamento di un dazio; in
partic., s. al minuto, apporre un contrassegno sulle botti di vino per le quali, pagata
l’imposta, si poteva procedere alla vendita al minuto. Part. pres.sigillante, anche
come agg. e s. m. (v.). Part. pass. sigillato, anche come agg.