mercoledì 2 novembre 2016

DAL MIO DIARIO MAGICO_SEZIONE 1980_OTTOBRE


Scrivo perchè non posso fare altro che scrivere, per conoscere l'anima mia che un enigma è per me!!!
Il Maestro dice che scrivendo si svelerà completamente...e io scrivo.
Non posso parlare con nessuno in quanto nessuno segue la mia via.
I miei amici sono persi nelle cose di tutti i giorni e nelle cose che altri hanno pensato per loro e seguono una strada diversa. Tra l'altro le loro famiglie mi hanno rimosso dalla loro vita proibendo i loro figli di frequentarmi essendo " strano".
T. dice che sua madre gli ha proibito anche di venire a casa mia.
P. dice che suo padre ha detto che io sono troppo strano e non faccio bene a lui.
M. è diventato schiavo della chiesa e quindi penso si farà prete anche contro il parere di sua madre che vede meglio di lui stesso.
Io sono solo ora perchè mi occupo di cose particolari e frequento Antonio.
Ma non mi preoccupo in quanto la mia vita sta prendendo vie inconsuete.
Lo scorso Estate ho conosciuto Maddalena S. e mi ha portato a Roma a conoscere certe persone della Società Teosofica.
Il colonnello era soddisfatto di me. Antonio dice che sono solo esperienze e che non me le vieta anche se mi dice di essere sempre  accorto perchè quando si è blanditi...vogliono la mia anima.
Le pratiche che to seguendo sono molto potenti e vedo nel sottile la loro capacità trasformante e quindi so che i risultati arriveranno.
Non mi dispiace che i miei amici si siano allontanati, ma ognuno ha il suo destino.SEMPRE!
Io sono venuto per altro...e quindi lo sto comprendendo ora.Non posso pretendere che chi ha come sogno diventare poliziotto o sottufficiale possa capire quello che vedo e sento io.
Sono rivolti tutti all'esterno mentre io sono rivolto all'interno e questo cambia la visione.

L'altro giorno mentre ero con il Maestro una lucertola è venuta sulla mia mano spontaneamente e lui sorrideva guardandomi.
Da premettere che prima scappavano tutte...ora vengono spontaneamente. Amo le lucertole il loro essere così flessuose.
Sono cosi' lontane dalla complessione umana che quando le si guarda si comprende che si ha a che fare con un altro mondo, nel percepire vedere sentire e vivere.
E' come se fossero aliene.
Immagino quando erano grandi...impressionanti se imagino i coccodrilli.
Mi domando se anche un coccodrillo farebbe lo stesso. Certamente no per la mia paura...ma se paura non avessi forse si avvicinerebbe.
La paura modifica il nostro stato interiore e l'odore che emaniamo e allora gli animali lo sentono e si allontanano o ci attaccano.
Solo l'odore di santità non terrorizza e la calma placida dell'anima.
Quella calma che in me si è stabilita a tratti e che devo conquistare e lottare a lungo per avere completa.
Non deve farmi paura NULLA.
Non devo TEMERE nulla.
Ne DESIDERARE nulla.
Ne PAVENTARE nulla.
Io devo essere nell'EQUILIBRIO piu' assoluto affinchè L'ANIMA SOTTILE SI PALESI E IO POSSA RICONOSCERLA NELLA SUA POTENZA.
Mi da l' idea di galleggiare sull'acqua.
Se t 'irrigidisci affondi...se ti lasci troppo andare ti trasporta dove vuole essa...quindi serve una rilassamento ATTIVO.
E' la cosa più difficile da fare ma è la cosa necessaria.
Tutti si proiettano verso chissà cosa, mentre la verità è che già puntando con la mente si ottiene prima o poi...se solo si sapesse bene questa cosa.....si rabbrividirebbe.
Oggi mentre facevo leggere il mio diario al Maestro, lui ha alzato gli occhi su di me e mi ha guardato profondamente.
Ho sentito amore vero e comprensione per questo scemo che sono ( avevo 16 anni.....) mi compativa ma la mia anima ha avuto la percezione che sarei riuscito a raggiungere il desiderio del mio cuore...oddio....ne ho molti eheheheh...ma spero di sfogliare la margherita e trovare il petalo giusto e che valga la pena di seguire.
L'operazione che ho fatto la notte scorsa non è andata bene, il motivo è la visita al monastero. Non mi è piaciuto quello che ho visto e sentito, e so che li dentro vi sono due ossesse, ossia come si dice due possedute dal demonio...dicono.
Non so che pensare ma l'aria che si respirava era pesantissima e ha influito sulle mie opere di Luce.
Morale...l'energia che si assorbe nella vita ha assoluto rifrangimento e riscontro nelle nostre azioni, quindi si deve veramente stare attenti.
La casa del mio Maestro è come un arca. Un rifugio antiatomico dove nulla penetra.
Devo crearne uno uguale e so che rimanendo sempre nel cerchio e nella bolla ed espandendola sempre più avverrà.
Serve lavoro come in ogni cosa e pazienza come in ogni cosa che vale!
L'opera sulla Salvia procede bene anche se non come vorrei. Ho notato che se la metto in un posto l'opera avanza se la metto in un altro l'opera va a rilento.
Che sotto casa mia ci siano delle linee energetiche che non so?
( IN SEGUITO SEPPI CHE SOTTO LA CASA SCORREVA UN CORSO D'ACQUA SOTTERRANEA E PER QUESTO FU SCAVATO UN POZZO IN CANTINA DA CUI SI ATTINGEVA ACQUA NEL PASSATO. E CAPI' PECHE' NON RIUSCIVO A DORMIRE IN QUELLA CASA COME SI DEVE, AVEVO VISIONI E DISTURBI E LE OPERE ALCHEMICHE AVEVANO DIFFICOLT'A').
Il Maestro dice che devo conoscere Francesco di Castellaneta. Lui è un grande Mago e vuole che mi insegni delle cose che solo lui conosce. Mi dice che mi serviranno ( previsione avveratasi puntuale).
Alla mia richiesta del perchè non lo fa lui, mi ha detto che bisogna riconoscere i meriti altrui e anche se lui poteva farlo non voleva che qualcuno che poteva farlo meglio non me lo insegnasse.
LUI VUOLE SEMPRE IL MEGLI PER ME!
Lui riconosceva che in quella tecnica Francesco era superiore.
Un segno meraviglioso di umiltà e riconoscimento per un Fratello del suo Ordine Antico...di cui ancora non mi dice il nome....ggggrrrrr.
Scherzo naturalmente anche se la curiosità e troppa....ma io lo conosco lo fa apposta e quando la mia curiosità non sarà più...solo allora parlerà....
CONTINUA....
Riccardo Mario Villanova Sammarco
MRA