venerdì 6 luglio 2018

ALCHIMIA NOMICA. COSA E'. IL VASO ALCHEMICO. PERCHE' NON CAMBIAMO. LA STRADA PER COMINCIARE AD ESSERE LIBERI.


Il vaso.
Mai c'è stata immagine più importante ma trascurata come quella del vaso.
In alchimia il vaso rappresenta tutto. In alchimia il vaso, il fuoco, la materia, il regime, sono tutte una sola azione che si rivela via via nella pratica e che può apparire solo se non ci si prostituisce nella mente e nelle idee di azione .

Nel vaso avvengono tutti i mutamenti ed i cambiamenti che la materia dell' opera deve subire. e dobbiamo ricordarci che la stessa materia dell'opera è sempre la medesima del vaso, del fuoco ecc.
Egli è il collettore di ogni cosa che può crearsi e distruggersi.
Egli è il contenitore ed il contenente ed in esso avvengono i miracoli della materia mutata ed a mutare.
Vaso salino lo chiamava il Paracelso.
Per i profani è un semplice vaso di un materiale resistente al fuoco dove possono mettere le erbe e quindi pensano dia vere compreso tutta l alchimia.
Ma l'alchimia è molto gelosa e furba, essa si cela e si muta nelle azioni che indica.

Non ci si rende conto che per riuscire nelle cose della vita, qualsiasi cosa, anche solo portare a termine un pensiero che dece divenire azione e quindi realizzazione vi è sempre bisogno della chiusura del vaso in cui deve mutarsi la materia ai regimi del fuoco.
Quando fate un brodo vegetale prendete dell'acqua, poi le verdure scelte e mettete tutto in un vaso o contenitore sul fuoco.
Nel tempo della cottura avvengono i miracoli della mutazione sottoposta al regime del calore della cottura.
Le verdure rilasciano le loro proprietà mentre l'acqua le assorbe e le mescola ben bene per creare il gusto unico del brodo.
Ma cosa è successo?
E' successo che ogni verdura HA LASCIATO SE STESSA E LE PROPRIE PROPRIETA' RINUNCIANDO AL SUO ESSERE PER DIVENTARE QUALCOSA DI ALTRO.


Ossia ogni verdura accetta di essere uccisa e rilassarsi al calore dell'acqua mediante il calore e RINUNCIA A SE STESSO.
Ma alla fine non è altro che ogni processo di crescita ed iniziazione in ogni sistema ed in ogni luogo del pianeta.
Se non si accetta di lasciare se stesso ecco che il brodo vegetale non verrà.
Non vi sarà trasmutazione.

Ma io problema odierno è che nessuno ha capito come funziona il vaso.
Si pensa che si possa fare il brodo vegetale con una pentola a buchi...ossia una pentola rotta, dove il liquido fuoriesca completamente.
In gergo terra terra vorrebbe significare CHE OGNUNO VUOLE SEMPRE FARSI I CAVOLI PROPRI MA VORREBBE CHE IL BRODO VEGETALE RIUSCISSE BENE LO STESSO.
Una assurdità quindi.
Il problema è che tutti vogliamo delle cose ma senza lasciarne altre, non concepiamo lo svuotare la casa per rimetterci altro mobilio, ma l'accumulare mobilio su mobilio senza disfarci di nulla...

Io quando parlo con molti praticanti vedo delle cose curiose.
Ossia che cominciano la pratica ma senza lasciare le cose che facevano prima e pretendono che tutto vada bane.
E' come fare il brodo vegetale mettendoci dentro dei vegetali marci, non credo che possa portare nulla di buono....
Il vaso può essere accomunato all'energia che vi tiene insieme, ossia quella serie di strutture energetiche e di linee di forza che attualmente chiamate VOI STESSI.
Il problema  è che voi provate a perpetuare voi stessi e i vostri modi di azione anche quando approcciate una disciplina nuova e piangete quando non riuscite o chi vi osserva e vi consiglia vi avverte che le cose non sono corrette.
Li scoppia la crisi perché ci si rende conto che non ci si può avvicinare ad una scienza nuova con le idee vecchie.
Il problema è che nessuno vuole passare per la PASSIO che richiede la trasmutazione.

Bisogna inoltre comprendere di che materiale è fatto il vaso.
Ossia di che materie è costituito e come è stato fatto?
Questo si deve sempre sapere perché dale materia con la quale è costituito noi avremo un brodo di sapore diverso.
Se io faccio il brodo vegetale con la terracotta sarà diverso il sapore del brodo fatto nell'acciaio.
Mi ricordo che mia madre cucinava i fagioli nella pignatta di terracotta sul fuoco vivo e il sapore non è nemmeno lontanamente somigliante a quello che oggi assaggio quando fanno i fagioli nelle pentole di inox.
Il materiale del vaso è importante e si deve comprendere che se è tossico il nostro brodo sarà tossico.
Qui entriamo nel discorso delle miscele in cui tutti pensano solo a parlare delle miscelazioni che avvengono nel vaso e delle cose che ci mettono, mentre non si tiene conto, ripeto, della materia con cui il vaso è fatto.
Ma vediamo di capirne un poco di più e destreggiarci nelle varie nomenclature alchiliche, almeno per quel che riguarda l'alchimia NOMICA ossia dei nomi , che non ha a che fare con quella metallica, minerale, vegetale e spirituale.

Dell'alchimia NOMICA non ne parla nessuno perché nessuno sa cosa sia, provate a chiedere...e come al solito vedrete che nessuno ne sa nulla...si riempiono la bocca con il termine alchimia perche fa tendenza, poi da quando sono apparso, tutti fanno corsi di alchimia e speriamo li facciamo bene, ma ne dubito :-) .
Sia come sia, l'alchimia NOMICA ci mostra che il vaso nella sua struttura è anche fatto di NOMI e quindi di forze che interagiscono tra di loro in un modo che può essere sia assonante che dissonante.
Nella Scienza Ammonia, si sta molto attenti alla alchimia NOMICA in quanto da li si può conoscere la potenzialità dei vasi da usare e delle materie da metterci dentro.
Addirittura si può comprendere che cosa si può ottenere e come sono i processi da fare.

nòmico: agg. [dal gr. νομικός, der. di νόμος «legge»] (pl. m. -ci). – Di legge, che è conforme alla legge o a una legge. In partic., in filosofia della scienza, che ha carattere di legge: generalizzazionecorrelazione nomica.

Quindi possiamo comprendere che l'alchimia NOMICA si occupa delle LEGGI DELL'ALCHIMIA E QUINDI E' IL FONDAMENTO STESSO DI ESSA...MA QUANTI LO SANNO? BEH...OGGI GLI ALCHIMISTI STANNO SPUNTANDO COME FUNGHI PER POTERSI RIEMPIRE LE TASCHE CON GLI IMBECILLI, E QUESTO MI DA MOLTO PIACERE PERCHE GLI IMBECILLI CHE NON RICONOSCONO UN FALSO ALCHIMISTA DEVONO RICEVERE SOLO QUESTO: IMBECILLITA' DI RIMANDO.



In ogni caso, nell'alchimia nomina si osservano i principi costruttivi della propria personalità e quindi da li si mettono dentro il vaso che questa personalità compone, i materiali giustizia per farli reagire, tenendo conto, come detto, dei materiali con cui il vaso è fatto.
Dunque se io pongo un principio errato dentro un contenitore fatto di parole ecco che posso provocare una guerra nucleare interna per l'interrelazione delle parole differenti che veicolano forze differenti.
Le parole sono LEGGI ( NOMICA),ogni parola per reggersi ha bisogno delle leggi giuste per reggere la struttura globale costruita.
Possiamo capire anche in questo modo: OGNI COMPONENTE CHIMICO-FISICO CHE COSTITUISCE UN VASO HA UN NOME E OGNI NOME INDICA UNA LEGGE, SE NOI PONIAMO UN COMPONETE CON UN NOME O LEGGE SBAGLIATA TUTTO SALTA.

Potete vedere tutto questo quando si danno le prescrizioni a coloro che vogliono cominciare una strada, le loro parole entrano in scontro con le parole nuove , che indicano leggi o nuove e quindi partono i problemi.
Il vaso fatto di parole difende se stesso, perchè crede talmente tanto alle parole stesse che si auto convince che sono vere.
Quando si prova a fare alchimia NOMICA non si riesce perché le parole nuove he sono immesse trovano opposizione d quelle vecchie e quindi si trova ogni scusa per sfuggire ed ogni trucchetto per giustificarsi.
Ecco il vaso di parole che agisce in maniera profonda mantenendo il controllo della persona mediante le parole-forze che lo costituiscono
Ed il vaso di parole SIETE VOI!
La vostra struttura molecolare è fatta di parole che vi hanno scritto e programmato.

Spero che questo piccolo accenno alla alchimia NOMICA vi abbia dato qualcosa di interessante sul quale ragionare in quanto voi siete fatti da queste cose.
Voi siete un insieme di parole che vi costituiscono in LEGGI che se mosse danno una reazione.
Quando la reazione è contraria alla stabilità delle parole stesse ecco che si ha la destrutturazione del vaso di parola e si comincia ad intravedere la via di uscita e la libertà.
ma la maggiorate delle persone che si avvicinano alla Scienza Ammonia pensa che invece di destrutturare deve solo AGGIUNGERE PAROLE AL SUO VOCABOLARIO.
Quindi crea un guazzabuglio ed un aborto di conoscenze che la porteranno per sempre fuori strada.
Ripeto senza abbandonare le vecchie parole per adottarne di nuove e riscrivere se stessi...nulla puo' avvenire se non illusione.
Senza tenere conto del vaso che si usa quando si mette la materia...tutto è inutile perche il vaso influenzerà la materia stessa vanificando l'opera.

SEMPRE PER AMORE
DALL'AMORE
CON L'AMORE
NELL'AMORE
PER VOI
DALLA SCIENZA AMMONIA.

RMVS
MRA
RosaR
LeT